Reggio Calabria, confermati tutti i voli Alitalia

Da qualche giorno ormai la notizia era nell’aria: a Roma, il 24 gennaio, si è svolto un incontro fondamentale negli uffici dei dirigenti di Alitalia. Presenti tutti i vertici della compagnia: dal Presidente della Sacal SPA, il Dottor Arturo De Felice, fino agli stessi ‘capi’ della Compagnia di bandiera italiana.

Il risultato? Una “piena convergenza sulla necessità cdi confermare la presenza di Alitalia sullo scalo reggino per la prossima stagione estiva 2018”, e tutti gli addetti ai lavori del turismo tirano un sospiro di sollievo. E’ la stessa Sacal a riferirlo nella nota emanata al termine dell’incontro: Alitalia proseguirà dunque nel garantire i collegamenti da Roma, Linate (Milano), ma anche Torino verso Reggio Calabria.

Il tutto andrà dal prossimo 30 marzo e le prenotazioni potranno già arrivare dalla prossima settimana. Una vittoria, questa, per il Presidente De Felice. Che si è detto felice e soddisfatto, quindi compiaciuto per il risultato raggiunto. La partnership con Alitalia resta difatti ‘solida e fruttuosa’: ma soprattutto manterrà le rotte e le frequenze giornaliere, oltre a consentire la valorizzazione totale dei flussi turistici, in entrata e in uscita.

Una sfida, in ogni caso. Soprattutto dopo i numeri del 2017 che hanno coinvolto l’Aeroporto reggino e che hanno portato a svolgere una riunione straordinaria per rivedere le rotte: soltanto 381.442 passeggeri nello scorso anno, un calo registrato addirittura intorno al 21,5% rispetto al già disastroso 2016. Dunque, serve un cambio di rotta. In tutti i sensi.

A Reggio non arrivano più turisti? Non è proprio così, ma le proiezioni del 2018 sono davvero allarmanti. Dopo le stime tristi del 2014 con addirittura 522.446 passeggeri annuali, le cifre che si prospettano evidenziano un drastico calo dell’utilizzo dell’Aeroporto dello Stretto. Anche nel 2013 si ebbe un ridimensionamento dell’8% in termini di traffico passeggeri. Nel novembre del 2014, un 5.4% in meno. Davvero clamoroso.

Certo, non accade soltanto per Reggio Calabria. Anzi: stessi numeri si registrano per i voli da e verso Pescara, storia uguale per Ancona e anche per Trieste. Con i problemi di Alitalia, una mazzata un po’ per tutti. La Società di Gestione dell’Aeroporto dello Stretto è però rimasta a guardare, senza rendersi mai operativa. Del resto, cos’avrebbe potuto fare?

Resta in ogni caso la notizia: i voli verso Reggio e da Reggio non si toccano. Tutte le tratte sono state confermate, sebbene a gran fatica. Sembrava impossibile, e invece ce l’hanno fatta. Con buona pazienza di chi voleva tagliare fuori la Calabria: sarà per la prossima volta. Che si spera non arrivi mai.