Home » Economy » Lavoro domestico, ecco la giusta paga e diritti dal 2017

Lavoro domestico, ecco la giusta paga e diritti dal 2017

Buone notizie per quelle milioni di persone che svolgono la propria professione fra le mura domestiche, il cosiddetto lavoro domestico. Quella che un tempo era considerata una professione di Serie B, pagata a nero e priva di alcun tipo di agevolazione o assicurazione dei diritti legittima per ciascun lavoratore, dal 1° gennaio 2017 grazie ad un proficuo incontro fra Ministero del Lavoro e sindacati sociali godrà di tutti i diritti e riconoscimenti adatti per chiunque svolga questo mestiere nel dato contesto.

L’Associazione Nazionale dei Datori di Lavoro Domestico (DOMINA) ha resto nota la tabella alla quale dovranno attenersi coloro i quali vorranno avvalersi del contributo di colf, badanti e lavoro domestico di vario tipo. Una grande notizia per chi svolte la professione, visto che i minimi retributivi erano fermi ormai dal lontano 2012. Le nuove norme prevedono indennità di vitto, alloggio e lavoro notturno, con uno stipendio minimo pari a 625,15 euro per quei lavoratori con meno di dodici mesi di esperienza.

Per baby sitter o compagnia ad anziani lo stipendio minimo sale a 738,82 euro. Colf, gli autisti, i giardinieri, i custodi ed i camerieri vedranno i propri emolumenti oscillare fra i 568,32 o a 795,65 euro in base agli orari di lavoro, fra le 30 o le 54 settimanali. Se sei un cuoco qualificato si può variare, in base alle ore stabilite a contratto, fra i 659,24 o 909,33 euro. L’assistenza a persone con gravi menomazioni o non autosufficienti vede salire il contributo fra i 966,15 euro ed i 1111,07 con assistenza anche notturna.

Per i maggiordomi 1136,64 a cui aggiungere 168,07 euro per indennità di funzione; l’assistenza specializzata per persone non autosufficienti (Livello DS) ha uno stipendi oscillante fra i 1193,47 euro ed i 1361,76 nel caso di assistenza continuata e notturna. In base alle nuove norme vigenti dal primo gennaio 2017 le indennità di vitto e alloggio sono di 1,91 euro per pranzo, 1,91 euro per cena e 1,66 euro per l’alloggio di chi svolge lavoro domestico.

Author: Redazione
Tags

Similar posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login

Lost your password?