Home » City » Assicurazioni, il modulo di constatazione amichevole compilato ha valore di prova piena

Assicurazioni, il modulo di constatazione amichevole compilato ha valore di prova piena

Un automobilista veneto ha cercato di disconoscere il modulo di constatazione amichevole compilato in occasione di un sinistro accaduto mesi prima ma non c’è stato nulla da fare, la constatazione amichevole vale come piena prova. Il fatto è accaduto un giorno che un automobilista non ha dato precedenza ad una donna in bicicletta che sopraggiungeva, investendola e procurandole anche lesioni non gravi. Sul momento si compilava la constatazione amichevole ma successivamente l’automobilista disconosceva quanto scritto, negando la sua responsabilità.

La questione è arrivata davanti ad un giudice di San Donà di Piave, in provincia di Venezia, il quale ha ritenuto che la constatazione amichevole compilata costituisce piena prova dei fatti e non può essere disconosciuto a posteriori, men che meno a distanza di mesi dall’accaduto. La sentenza è la n°42 del 04/02/2016 e fa riferimento nella motivazione all’art. 143 del Codice delle assicurazioni. L’automobilista dovrà, quindi, sopportare l’aumento dell’assicurazione la quale, a sua volta ha l’obbligo di risarcire la Signora per i danni fisici subiti e anche un 20% in più a titolo di danni morali.

Author: Redazione
Tags

Similar posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Login

Lost your password?